Bollo virtuale: cos’è e come funziona

bollo virtuale - gestione marca da bollo elettronica con OsteoEasy

Tabella dei Contenuti

La marca da bollo è un imposta che va applicata sulle fatture nel caso in cui l’ammontare esente IVA superi i 77,47 €. Per lungo tempo questo strumento è esistito solo in forma cartacea, ma da qualche anno è stata introdotto il bollo virtuale.

L’Agenzia delle Entrate ha istituito il bollo virtuale dal lontano 1° gennaio 2015 ed ha pubblicato le istruzioni per utilizzarlo e pagarlo. Questo nuovo metodo semplifica la gestione delle pratiche in azienda: non serve più recarsi dal tabaccaio per acquistare la marca da bollo cartacea.

Ma attenzione! Chi non segue le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate e non paga la tassa entro i termini indicati può incorrere in sanzioni. Ecco perché è necessario conoscere nel dettaglio il procedimento prima di valutare se integrarlo o meno nella propria attività aziendale. Vediamo nel dettaglio come funziona.

Marca da bollo virtuale: serve ottenere l’autorizzazione dell’Agenzia delle Entrate?

La marca da bollo virtuale – così come quella cartacea – serve per pagare l’imposta di bollo.

Per le fatture elettroniche la marca da bollo virtuale è obbligatoria e non serve quindi nessuna autorizzazione. Per chi invece emette ancora fatture tradizionali (è il caso di tutte le fatture inviate al Sistema Tessera Sanitaria) è necessario inoltrare la richiesta e ottenerel’autorizzazione da parte dell’Agenzia delle Entrate. Infatti, l’ente competente può decidere o meno di autorizzare l’azienda o il professionista.

In alcuni casi la richiesta può essere rifiutata.

Il tuo commercialista può sicuramente aiutarti a valutare e a richiedere l’autorizzazione per l’utilizzo della marca da bollo virtuale e per conoscere le scadenze per il saldo del bollo virtuale. 

Marca da bollo assolta in modo virtuale: come avviene il pagamento

Nel caso in cui fatturi elettronicamente, ovvero invii le fatture al SDI (Sistema di Interscambio), l’Agenzia delle Entrate è già informata sul numero di fatture che sono state emesse e quante di queste hanno l’importo superiore ai 77,47 €. L’Agenzia procede quindi automaticamente al calcolo dell’imposta di bollo dovuta per il trimestre di riferimento e ne evidenzia l’importo nel cassetto fiscale. Il saldo dell’importo dovuto va effettuato trimestralmente direttamente dal proprio Cassetto Fiscale, nella sezione Fatture e Corrispettivi, indicando l’IBAN su cui effettuare l’addebito (come indicato qui).

Nel caso in cui le fatture siano tradizionali (ad esempio in caso di invio al Sistema Tessera Sanitaria) per utilizzare la marca da bollo virtuale il pagamento va effettuato una volta all’anno compilando il modello disponibile nel sito dell’Agenzia delle Entrate da presentare con l’F24.

Imposta di bollo virtuale: sempre sotto controllo grazie ad OsteoEasy

OsteoEasy ti fornisce, nella sezione delle statistiche, l’importo dei bolli elettronici che hai utilizzato con il dettaglio mensile. In questo modo è semplice monitorare l’importo delle marche da bollo utilizzate.

Conclusione

L’utilizzo dell’imposta di bollo virtuale è semplice, ma il valore più significativo è che puoi scegliere di non recarti più dal tabaccaio e attendere che finisca di stampare le marche da bollo che hai richiesto:

  • Se utilizzi la fatturazione elettronica ti basterà saldare il conto trimestralmente
  • Se invece fatturi tradizionalmente puoi richiedere l’attivazione del servizio all’Agenzia delle Entrate tramite il tuo commercialista. 

Se vuoi approfondire ulteriori nostri articoli li trovi qui

Condividi

Articoli recenti

Le grandi storie iniziano sempre con un piccolo passo, con OsteoEasy il primo passo è gratis